Passo avanti significativo per la riqualificazione di Largo San Nicola e Piazza Immacolata ad Ugento. Si è chiusa, infatti, la fase di premiazione dei progetti vincitori del concorso di idee.

L’obiettivo dell’Amministrazione Comunale era quello di svincolarsi dall’affidamento diretto di incarico ed acquisire un ventaglio di proposte progettuali qualitativamente interessanti per il restyling spaziale, funzionale ed ambientale di queste aree che ricadono nel tessuto urbano.

Si tratta di due spazi diversi tra loro, ma strettamente connessi: largo san Nicola e piazza Immacolata. La prima è un crocevia e si pone come porta della città e di fatto segna l’ingresso alla città storica, da Corso Umberto I, e alla città “nuova”, da Via Messapica, oltre a svincolare la via del Mare. Piazza Immacolata si pone come punto di arrivo proprio della via Messapica.

La riqualificazione di queste due aree darà nuovo slancio sul piano ambientale e turistico alla città di Ugento, recuperando e valorizzando il patrimonio edilizio esistente. Ma soprattutto servirà a migliorare la qualità di spazi pubblici centrali, preservando la memoria storica ed architettonica, grazie alla possibilità di realizzare luoghi di incontro e scambio culturale tra i cittadini, di momenti di svago per i bambini ed integrazione e socializzazione fra i giovani, le famiglie e gli anziani.

Il Concorso ha visto la partecipazione di 35 gruppi di professionisti provenienti da più parti di Italia. Sono state elaborate complessivamente 27 soluzioni progettuali per Largo san Nicola e 24 soluzioni progettuali per Piazza Immacolata. Per entrambi i concorsi, il bando prevedeva la premiazione di tre progetti meritevoli, per ogni ambito di intervento, con premi in denaro.

La graduatoria finale, stilata dalla giuria, per quanto concerne la riqualificazione di Piazza Immacolata, prevede al primo posto il raggruppamento Temporaneo di professionisti costituito dall’architetto Flavio De Carlo (Lecce) e dall’architetto Daniela De Tommasi (Monteroni), al secondo il raggruppamento costituito dagli architetti Giorgio Skoff (Bari), Rosa Di Gregorio (Andria), Rosanna Capriulo (Acquaviva delle Fonti, Bari)e dalla dottoressa Anna Camardella (Lecce); infine, al terzo posto si è classificato il progetto presentato dall’architetto Luca Pedilarco (Caltagirone, Catania).

PIAZZA IMMACOLATA primo classificato_712x503

PiazzaImmacolata_2classificato_712x504Il progetto vincitore è stato apprezzato dalla giuria in particolare “per aver affrontato in maniera completa e dettagliata tutte le richieste del concorso, per aver disegnato una nuova piazza al ritrovo delle famiglie, al divertimento dei bambini e alla socializzazione fra ragazzi, giovane ed anziani, conferendole con sensibilità e leggerezza un carattere distintivo che evidenzia una forte identità in sintonia con il contesto urbano senza stravolgere la memoria dei luoghi”.

Per quanto riguarda la riqualificazione di Largo san Nicola, la graduatoria finale, stilata dalla giuria, ha premiato il raggruppamento temporaneo di professionisti costituito dall’ ingegner franco Lucifora di Modica (Ragusa) e l’architetto Vincenzo Schinella di Arena (Vibo Valentia); al secondo posto il raggruppamento costituito dall’architetto leccese Flavio De Carlo (Lecce) e dall’architetto Daniela De Tommasi di Monteroni; al terzo posto il raggruppamento costituito dagli architetti Adriana Sbarra (Napoli), Marina Di Iorio (Isernia), Patrizia Porritiello (Marignanella, provincia di Napoli) e Roberta Galli (Napoli).

LargoSANNICOLA_1classificato_712x504

LARGO SAN NICOLA secondo classificato_712x503Il progetto vincitore è stato premiato dalla giuria in particolare “per aver manutenuto come obiettivo primario la riqualificazione architettonica e funzionale dell’ara urbana, proponendo un’attenta ed efficace soluzione del transito veicolare ed un significativo aumento della superficie pedonale della piazza, contribuendo a far riappropriare ai cittadini luoghi e spazi attualmente adibiti e percepiti esclusivamente alla viabilità e al parcheggio degli autoveicoli, coniugando, nei limiti economici imposti, le esigenze funzionali dell’incrocio con il tema del bando.

L’obiettivo dell’Amministrazione Comunale sarà ora quello di reperire le somme necessarie per la realizzazione dei progetti vincitori.